Anticipare la cena brucia grassi

Chi avrebbe mai pensato che anticipare la cena o può avere dei benefici sul nostro corpo in termini di perdita di peso?

Può sembrare strano, ma è proprio così.

Lo rileva una ricerca presentata al meeting annuale della Obesity Society a New Orleans, negli Stati Uniti.

Secondo questo studio se consumiamo cibo nel corso di una periodo di tempo molto più limitato rispetto a quanto siamo soliti fare, dimagriamo.

Molti di noi potrebbero pensare che saltare un pasto corrisponde a mandar giù parecchie calorie in meno, e quindi di conseguenza perdere peso. Ma non è così.

Marta Buonadonna su Panorama ci spiega che “lo studio che ha coinvolto 11 uomini e donne in sovrappeso, ha comportato il consumo delle stesse calorie, solo distribuite in orari diversi: per 4 giorni i partecipanti hanno mangiato dalle 8 alle 14 e per altri 4 giorni dalle 8 alle 20, ma le calorie totali ingerite ogni giorno erano sempre le stesse.

I ricercatori hanno testato l’impatto dell’alimentazione a tempo limitato sulle calorie bruciate, i grassi bruciati e l’appetito. Hanno scoperto che nonostante non vi fosse alcun impatto riscontrabile sulla quantità di calorie bruciate, la dieta dell’orologio aveva ridotto le oscillazioni della fame nel corso della giornata e aumentato la combustione dei grassi durante la notte. E’ migliorata anche la flessibilità metabolica, ovvero la capacità del corpo di passare dal bruciare i carboidrati al bruciare i grassi.

Si è notato, inoltre, che se concentriamo i pasti nella prima parte della giornata, per quel che riguarda la perdita di peso, aiuterebbe a bruciare una maggiore quantità di grasso.

Ma c’è di più. Anche il digiuno può aiutarci a diminuire i livelli di appetito e quindi a mantenere il pesoforma:

“Spiega Courtney Peterson che ha condotto lo studio presso il Pennington Biomedical Research Center di Baton Rouge, in Louisiana: “Abbiamo scoperto che mangiando dalle 8 alle 14, con successive 18 ore di digiuno al giorno, i livelli di appetito restano più uniformi per tutta la giornata rispetto a quanto accade mangiando dalle 8 alle 20.”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *