Come dimagrire senza dieta – Dottor Franco Berrino


(Video: Come dimagrire senza dieta – Dottor Franco Berrino)

“Il grande problema delle nostre popolazioni è che si tende a mettere su pancia ed è difficile mandarla giù se si continua a fare la vita che ce l’ha fatta mettere su. Per cui bisogna cambiare un po’ la nostra vita. E ci sono due cose da fare: una è l’attività fisica, una è cambiare alimentazione.

Nei nostri grandi studi, in cui seguiamo centinaia di migliaia di persone, siamo andati a vedere chi ingrassa e chi non ingrassa. E il principale fattore che ci fa aumentare di peso è l’eccesso di proteine nella nostra dieta. Mediamente mangiamo il 15-16% di calorie sotto forma di proteine: chi sta verso il 20% ingrassa e chi sta verso il 10-12% non ingrassa. E l’OMS dice che l’ideale è mangiare l’8% della calorie sotto forma di proteine.

Quindi dobbiamo ridurre il consumo di proteine. Questo pare strano a chi fa queste strane diete per dimagrire, queste diete iperproteiche, che servono: quando c’è il 50% delle calorie sotto forma di proteine si constringe il corpo a bruciare proteine invece che bruciare zuccheri e grassi. Ma il nostro corpo non vuole bruciare proteine perché ci sono residui tossici quando si bruciano proteine: questi intossicano il centro dell’appetito e quindi si dimagrisce, si perdono anche 10 kg in un mese. Ma spesso queste persone ingrassano di nuovo tantissimo perché non ce la fanno ad avere una dieta così ricca di proteine, quindi si situano su un po’ meno proteine, ma quelle che fanno ingrassare in realtà.

Questo è molto molto chiaro: bisogna ridurre le proteine nella dieta. Quindi ridurre la carne, i formaggi, le uova. E anche con i fagioli: non esagerare, va bene che ci siano tutti i giorni, in ogni pasto, ma una quantità moderata.

Quello che fa ingrassare non è la pasta, ma il pane. Il pane fa ingrassare con altri meccanismi perché fa aumentare la glicemia. Gli alimenti che fanno aumentare molto la glicemia come il pane, le patate, i dolciumi di pasticceria, il riso bianco fanno ingrassare molto la glicemia; e quando aumenta molto rapidamente la glicemia il pancreas produce insulina molto rapidamente; ma questa produzione di insulina fa abbassare la glicemia e quindi si va in ipoglicemia, e quando si va in ipoglicemia si sente fame.

E la ragione per cui la gente che fa colazione al mattino con i biscotti commerciali si sente subito bene perché sale la glicemia, ma a metà mattina molti di noi sono obbligati ad uscire dall”ufficio per andare a prendere il cappuccino con la brioche perché siamo in ipoglicemia. Quindi più zuccheri si mangiano, più viene fame di zuccheri e quindi si mangia di più e si ingrassa.

[…]

Invece che cos’è che aiuta a NON ingrassare?

Sono i cibi integrali, i cereale integrali, i legumi, le verdure, anche la frutta, nonostante la zuccherina, ma lo zucchero della frutta è mescolata ad altre sostanze. E hanno trovato anche lo yogurt, perché lo yogurt è uno dei pochi alimenti fermentati che mangiamo oggi. E quindi in qualche modo aiuta il nostro intestino. Oggi mangiamo cibo sterile, mentre nel nostro intestino vivono centomila miliardi di microbi che lavorano per noi e a seconda di quello che mangiamo ci sono dei microbi diversi.
Questi microbi possono aiutarci a ingrassare o aiutarci a non ingrassare, quindi privilegiamo i microbi che ci sono nell’intestino di un vegetariano, cioè i lattobacilli e i bifidobatteri rispetto ai microbi che ci sono nell’intestino di un carnivoro.

Curiamo la salute del nostro intestino. E la curiamo attraverso i cereali integrali, i legumi, le verdure. Queste cose aiutano a non ingrassare. Anche la frutta oleoginosa: molta gente dice ‘ah no io non mangio le noci, le mandorle perché sono molto caloriche,’ e invece no, aiutano a NON ingrassare perché sono grassi di buona qualità.

Naturalmente non bisogna mangiarne delle quantità enormi, ma prima di pranzo, prima di cena, prima di colazione 4-5 mandorle, un paio di noci è una cosa molto utile per cambiare lo stile di vita nel senso di non far diventare obesi”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *