Le macchie gialle intorno agli occhi possono indicare una cardiopatia


Le malattie del cuore potrebbero riconoscersi dagli occhi.

O meglio, le macchie gialle intorno agli occhi possono essere uno dei sintomi di una cardiopatia.

Uno studio danese del 2011 pubblicato sul British Medical Journal ha rilevato che queste macchie, chiamate xantelasmi, potrebbe, per alcuni pazienti, essere il segnale di una cardiopatia. Lo riporta un articolo di Internazionale del 2012, che ci spiega anche come è stata condotta la ricerca:

“Seguendo quasi 13mila persone per più di trent’anni, nell’ambito del Copenhagen city heart study, i ricercatori hanno scoperto che chi aveva le macchie aveva un rischio d’infarto o di morte per una malattia cardiaca più alto, a prescindere da altri fattori come l’obesità e il colesterolo”.

Per essere precisi, “il rischio di cardiopatia per gli uomini con xantelasmi era del 12 per cento più elevato rispetto a quelli senza e per le donne era dell’8 per cento in più”.

Non si sa con sicurezza a cosa sia dovuto questo legame. Però una cosa è certa: un esame approfondito agli occhi può aiutare ad individuare quali sono i pazienti che presentano un rischio più alto di contrarre malattie cardiache. E intervenire subito rafforzando le misure di prevenzione.

Cosa sono gli xantelasmi, le macchie gialle intorno agli occhi?

Lo xantelasma è un deposito di colesterolo giallastro che insorge in prossimità delle palpebre o nelle aree della pelle circostanti.

Queste lesioni possono essere il segnale, oltre che di malattie cardiovascolari, anche di disturbi del metabolismo lipidico che, spiega MyPersonalTrainer, comportano un grande aumento di lipidi e colesterolo nel sangue, come l’ipercolesterolemia familiare.

E gli xantelasmi possono anche manifestarsi in caso di cirrosi biliare primaria, pancreatite, ipotiroidismo e alcuni tumori.

Se credi di avere questo problema rivolgiti subito ad uno specialista: La Salute Prima Di Tutto!


Forse può interessarti questo video:

I 14 tumori più diffusi in Italia

Seguici su Facebook

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *