Da dove provengono i pomodori pelati italiani?


I pelati sono uno dei derivati del pomodoro più usati in cucina.

Per chi non lo sapesse sono pomodori a cui viene asportata la buccia e a cui spesso si aggiunge del succo di pomodoro semiconcentrato.

Il problema dei pomodori pelati italiani che si trovano al supermercato, però, è che non è obbligatorio riportarne l’indicazione d’origine. Perciò potreste acquistare dei pelati prodotti da un marchio italiano con la materia prima proveniente dall’estero.

Il sito di Altroconsumo lo spiega nei dettagli:

“I pelati. Devono provenire da frutti freschi, sani e maturi. Si tratta generalmente di pomodori interi, scottati e pelati. Nella maggior parte dei casi li troviamo confezionati con l’aggiunta di un po’ di succo di pomodoro e di un correttore di acidità (acido citrico). La legge dà la possibilità di aggiungere anche sale. Accanto ai tradizionali pelati, fatti con pomodori lunghi, tipo perini, si trova una variante fatta con pomodori ciliegini, spesso accompagnati dalla buccia, come esplicitato in etichetta. Sulle confezioni non è obbligatorio riportare l’indicazione d’origine dei pomodori.”

Come preparare dei veri e propri pomodori pelati italiani

<

Se preferite non fidarvi potete preparare voi stessi degli ottimi pelati. La ricetta è semplice:

– Lavate i pomodori con cura e poi fateli bollire;
– Seguite la cottura, e non date il tempo ai pomodori di spappolarsi;
– Quando sono caldi e bolliti, sbucciateli con un piccolo coltello da cucina. È preferibile farlo con dei guanti per non scottarvi e per proteggere le mani dall’acido dei pomodori;
– A questo punto, una volta sbucciati, potete scolare i pelati per 15-20 minuti e così eliminate tutti i residui di acqua;
– Sul fondo dei barattoli che utilizzate per le conserve mettete sempre qualche foglia di basilico pulita e asciutta (in questo modo il pomodoro avrà più sapore e un aroma particolare);
– Riempite i barattoli, chiudeteli bene e metteteli a bollire per sterilizzarli per 15-20 minuti;
-Conservate i barattoli in un luogo fresco.


Forse può interessarti questo video: 7 motivi per mangiare melone


Seguici su Facebook

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *