Come leggere le etichette degli alimenti

Per essere correttamente informati su ciò che mangiamo è opportuno sapere come leggere le etichette degli alimenti che acquistiamo. Purtroppo, spesso, ne sottovalutiamo l’importanza.

A questo punto vi verrà spontanea una domanda: quanti di noi, prima di comprare un alimento, ne leggono l’etichetta? È sempre comprensibile la loro lettura?

Per molti non sempre è facile riconoscono gli ingredienti che compongono un alimento.

In questo articolo vi aiuteremo a riconoscere un alimento in particolare che viene utilizzato in alimenti preconfezionati: lo zucchero.

Bisogna premettere che lo zucchero naturale che troviamo in alimenti come frutta e verdura è da preferire allo zucchero che troviamo negli alimeti confezionati in quanto gli alimenti naturali contengono naturalmente piccole quantità di zucchero necessarie per la nostro fabisogno quotidiano, mentre negli alimenti prerconfezionati troviamo un eccesso di zucchero utilizzato solo per migliorare il sapore e la durata di conservazione dell’alimento. ma dobbiamo anche sapere che se assunto in dosi eccessive può nuocere alla salute diventando un fattore chiave per carie, obesità e gravi malattie tra cui il diabete.

Purtroppo, i produttori di alimenti spesso nascondono la quantità reale di zucchero elencandolo con diversi nomi sulla lista degli ingredienti.

Gli zuccheri aggiunti negli alimenti sono solitamente una miscela di zuccheri semplici come il glucosio, fruttosio e saccarosio ma anche i meno utilizzati galattosio, lattosio e maltosio.

Ora vediamo insieme diversi tipi di zucchero maggiormente utilizzati e quindi presenti nelle etichette.
La maggior parte zuccheri aggiunti sono un amiscela di zuccheri semplici come il glucosio e fruttosio in percentuali differenti, i più utilizzati sono:

– Il saccarosio è lo zucchero più comunemente utilizzato, chiamato anche zucchero da tavola, estratto dalla barbabietola da zucchero. È costituito da ugual percentuale di glucosio e fruttosio.Il saccarosio è presente in molti alimenti, tra cui gelati, caramelle, pasticcini, biscotti, succhi di frutta, conserve di frutta, carni lavorate, cereali per la colazione etc.

– Lo Sciroppo di mais è costituito da glucosio e da alto contenuto di fruttosio.
Esso è presente in pane, biscotti, caramelle, gelati, torte, barrette di cereali e molti altri.

– Il nettare d’agave, chiamato anche sciroppo d’agave, è un dolcificante molto popolare negli stati uniti, prodotto dalla pianta d’agave. Questo alimento ha un alto contenuto di fruttosio e minor contenuto di glucosio.
Possiamo trovarlo in barre di frutta, yogurt e barrette di cereali zuccherati.

Continua a leggere i 56 nomi più comuni dello zucchero…

Seguici su Facebook

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *